ActualitéOpinionsAgendaPortraitsNausicaa LabAssociation Culturelle

(Italiano) Lo svilimento dei sentimenti nella società contemporanea

13 mai 2008
Posté Opinioni
de Maria Domizia Grispini

Désolé, cet article est seulement disponible en Italiano.



8 Responses to “(Italiano) Lo svilimento dei sentimenti nella società contemporanea”

  1. Anna Gilbert dit :

    Cara Maria Domizia,
    permettimi, mi pare tutto un po’ banale. E’ vero che c’è la sindrome del branco, è vero che i giovani portano la maschera, è vero che da soli ci si sente privi di forza e coraggio…ma insomma!
    Forse invece di continuare a sponsorizzare a destra e a manca i bulli, i violenti, gli assassini di 12 anni, i 20enni psicopatici, bisognerebbe cominciare a fare qualche reportage sui noi poveri sopravvissuti controcorrente.
    Il Tamarindo è un ottimo punto di partenza.
    Ricordo una sera ad Exit-la7, la conduttrice che insisteva sui bulli, i filmati dei bulli, il branco dei bulli…un macigno di discorso. Tutti gli ospiti a dire « ma perchè così poi si creano casi di emulazione, i ragazzi si imitano bla bla bla bla » e Giorgia Meloni (attuale min. alle politiche giovanili) fa:  » ma se emulano tanto, perchè non proponiamo alla tv qualcuno che studia, si laurea, lavora, mette su famiglia? ».
    Se siamo noi i primi ad esporci, a farci forza dei nostri sentimenti, degli amori, dei timori, dei rossori, gli altri rimarranno dapprima disarmati e -nella migliore delle ipotesi – ci imiteranno.
    Pace e bene.

  2. Giovanni Cairo dit :

    Cara Maria Domizia,

    sono d’accordo con te.
    Da anni combatto la crociata contro i forzati del divertimento (se non torni a casa quando albeggia sei giorni su sette sei uno sfigato, per intenderci), e assisto (inerte ahimè)a un bombardamento mediatico che inibisce le menti dei e delle giovani.
    Per contro non capisco cosa intende Anna Gilbert quando parla dei bulli. Credo che Maria Domizia in questo articolo si riferisse alla maschera imposta dalla moda, dai cartelloni giganteschi dove donne scheletriche pubblicizzano biancheria acquistabile con un mutuo, o braghe deformi con scritte sul deretano.

    <>

    Ci vuole coraggio anche per scrivere articoli come questi, che non mi
    sembrano affatto banali, anzi: sono espressione di ragionamenti che filano e di coerenza. Altrimenti avrebbe potuto usare uno pseudonimo per scrivere quest’articolo (che in fondo è un po’ uno staccarsi dal branco) per non incorrere nel riconoscimento da parte di chi ancora fa parte del branco.

  3. Anna Gilbert dit :

    E cosa sarebbe il bullismo se non la forma più esasperata di non-amore o, meglio, svilimento dei sentimenti?
    Intendo proprio questo, una società fatta di « sfigati dentro » con i jeans per-niente-sfigati fuori. Intendo la tristezza di quella gioventù che deve dimostrare di non dover chiedere mai, di non aver mai bisogno del prossimo, l’amarezza di un gruppo di pecore vestite da lupi.
    Forse è bene ribadire questi concetti con articoli del genere ma, mi chiedo io, non lo sapevamo già?

  4. maria domizia dit :

    cara anna,
    vorrei sapere che cosa intendi per banale, qual’è il significato di banalità per te?
    Se ciò che ho espresso è così scontato, come dici,allora perchè poi affermi e confermi che è un problema così attuale?
    Tra l’altro le banalità non suscitano alcun interesse…
    Purtroppo la consapevolezza è solo tra pochi, perchè se così non fosse non ci sarebbe questo svilimento.
    Salutoni.

  5. maria domizia dit :

    caro Giovanni,
    in primis ti ringrazio.
    Hai colto precisamente quello che volevo esprimere, mi fa piacere che condividi le mie idee.
    E’ un articolo che nasce dal cuore e come hai ben capito non ho difficoltà a dire ciò che penso,comunque vedo che anche tu non hai problemi ad esporre il tuo pensiero.
    Ti saluto.

  6. Carlotta Brignone dit :

    Cara Maria Domizia,
    hai scritto un articolo che ho apprezzato molto, con la tua sensibilità espressa in modo cosi naturale stimoli ad andare verso gli altri, ad essere se stessi nell’avvicinarsi a loro, senza fingersi diversi o più forti, abbandonando le proprie incertezze, felici. Leggendo mi sono tornati in mente certi momenti particolari della mia adolescenza, come quando mi sentivo diversa da tutte le ragazzine ‘glamour’, che ridevano maliziose mentre si bisbigliavano segreti durante le lezioni, cercando di farsi notare da tutti, anche di nascosto.

    Forse data la mia innata natura romantica e sognatrice – il linguaggio dei sentimenti lo percepisco diversamente; spesso quando sono per strada o a contatto con persone estranee, mi accorgo della spontanea complicità che si crea tra due persone che passeggiano mano nella mano.. in un sorriso breve può apparire un’amore vero, in un piccolo gesto affettuoso anche rispetto e ammirazione.
    Continua a scrivere.. !

  7. Anna Gilbert dit :

    Cara Maria Domizia, per banale intendo quello che intendono tutti: non qualcosa di poco valore ma qualcosa che si sa già e che è superfluo ribadire, ecco tutto. Non volevo offendere o sminuire l’intensità di ciò che hai scritto, ho già detto che condivido pienamente, solo non trovo interessante ritornare su questi argomenti.

  8. afec dit :

    Mi spiace dover constatare che molto spesso la banalità viene confusa con il non voler dare nulla per scontato.
    Viviamo in un contesto in cui guardarsi dentro, nel profondo della propria anima (indipendentemente dal credere o no di averne una!!) è fonte di assoluto terrore. Siamo terrorizzati dallo scoprire non tanto di non essere come gi altri si aspettano, quanto dallo scoprire che ciò che siamo ci piaccia!!!!!!!!! Per non parlare di renderlo evidente a chi abbiamo vicino….
    Quindi solo non dando per scontato questo nostro sentire saremo in grado di lavorare su noi stessi nella ricerca,se pur continua, del’armonia con noi e con gli altri…
    Mi spiace se questo può apparire banale a qualcuno però bisognerebbe non dimenticare che solo « risolvendo » i problemi più vicini si può guardare lontano….