AttualitàOpinioniSegnalazioniDossierNausicaa LabAssociazione CulturaleEventi

Il Piccolo Teatro della Gioia di Montmartre

6 marzo 2011
Pubblicato in Segnalazioni
di Giulia Mezzetti

Musica, cure pièces e performances nel più piccolo teatro di Parigi

A due passi da Place Du Tertre e dal Sacro Cuore della Butte Montmarte, hospital dopo tre anni di chiusura, capsule riapre le sue porte l’incantevole “Petit Théâtre du Bonheur”, letteralmente “Piccolo Teatro della Gioia”. Mai nome sembra più appropriato per descrivere questa minuscola deliziosa saletta affacciata sulle scale che si inerpicano sulla ripida collina di Montmartre, da Rue des Trois Frères a Rue Berthe.

Si entra al Teatrino già sorridenti, con negli occhi il panorama della Ville Lumière illuminata offerto dagli scorci del quartiere degli artisti,  e, una volta dentro, la gioia di potersi divertire con della vera e semplice arte e l’anima del luogo allargano questo sorriso.

Per dare un’idea delle ridottissime dimensioni della sala, basti sapere che puo’ ospitare comodamente appena una trentina di persone (ma il record è di 43 presenze !), sulle sedie o sui cuscinoni per terra , e che il palcoscenico offre spazio per non più di quattro – cinque persone insieme.

Fu senz‘altro una sfida quella di fare di questo spazio – altrimenti facilmente trasformabile in uno dei mille ristorantini turistici del quartiere – un teatro vero e proprio. Ma la sfida risulta vinta, grazie alle spiritose decorazioni delle pareti e della scena ma soprattutto grazie proprio alle piccole dimensioni, che facilitano il rapido crearsi di un’atmosfera calorosa, intima, distesa, coinvolgente.

Ed è questa intimità che consente un’immediata e spontanea interazione tra il pubblico e chi è sul palco. La prossimità degli artisti e degli spettatori è tale per cui ogni serata evolve diversamente, con il pubblico che viene direttamente coinvolto e diventa parte dello spettacolo ballando, cantando, salendo sul palco – e sfidandone la grandezza !

Il direttore artistico del teatro, Alessandro Berni, vecchia conoscenza delle pagine italiane del Tamarindo, ambisce a far emergere la vocazione più autentica del teatrino, quella della pura improvvisazione. Con degli spettacoli a metà tra il concerto e il cabaret chantant, si dà spazio ad artisti diversissimi di suonare insieme e di dare vita a delle vere jam sessions insieme col pubblico.

Diversi generi sono presenti al Piccolo Teatro della Gioia: dal jazz allo storytelling, dal flamenco al cantautorato. Sul palco si sono infatti esibiti artisti dal riconosciuto valore internazionale come il sassofonista Francesco Bearzatti (Migliore Sassofonista dell’anno per la rivista Musica Jazz nel 2003, 2009 e 2010, ha suonato al fianco di Enrico Rava e Vinicio Capossela) e talenti in fase di affermazione, provenienti da tutte le parti del mondo: l’ucraino Estas Tonne, virtuoso della chitarra, il cantastorie californiano Charlie Crockett, il cantante e polistrumentista senegalese Magou Sambe dalla voce profonda e calda come l’Africa, il tenore italo-francese Marco Avallone, il gruppo jazz partenopeo Guappeccartò, direttamente dalla “frontiera tra la Svizzera e la Tunisia”, gli altrettanto italiani Manuel Baldassare, pittore brut di giorno, cantante grunge di notte, e Elisa Massimelli con le sue percussioni e il suo favoloso mondo.

La programmazione artistica non finisce certo qui. Non ingannino infatti le piccole dimensioni del teatrino: la sala non frena l’ambizione di dedicare un omaggio ai classici della tradizione teatrale europea, come Cechov, Molière e Shakespeare. Grande teatro in miniatura, potremmo definirlo. E dopo essersi misurata con i “mostri sacri” della letteratura teatrale, la programmazione sarà volta all’esplorazione di diverse possibilità creative attraverso la messa in scena di opere inedite.

Per quanto concerne Cechov, attualmente in cartellone da lunedì a venerdì fino all’11 marzo, si tratta della rappresentazione di tre brevi farse o vaudevilles: “Una domanda di matrimonio”, “Tragico suo malgrado”e “L’orso”, per la regia dell’artefice della rinascita creativa del teatro, Alessandro Berni. Tre pièces che tratteggiano, oltre che uno squarcio sulla vita di coppia nella Russia dell’Ottocento, anche una riflessione filosofica sugli intrecci e le dinamiche della vita sentimentale rispetto alle convenzioni sociali. Attore principale delle tre opere è Misha Capnist, altra conoscenza tamarindica, impegnato nella resa dei personaggi ora comici ora tragici del grande autore russo. Accanto a lui, Élodie Derlyn, Alexandra Roth, Jacinthe Ravandison, Stanislas Pastourel, Emma Bernard, Sébastien Brulé. Con intervalli musicali per violino eseguiti da Anna Herbertson e Dimitri Artemenko. Formula perfettamente adatta al luogo, questo gustoso spettacolo di un’ora circa fa parecchio divertire il pubblico con spensieratezza. La rappresenteazione delle pièces di Cechov proseguirà per tutto il mese di marzo, con un’altra compagnia di attori, e continuerà in aprile, ma in inglese.

Di più. Con il proposito di tentare altre vie di sperimentazione e in linea con l’anima eclettica della scena del teatrino,  il palco ospita serate di proiezioni di cortometraggi in cui si raccoglie il meglio dell’attuale produzione di questo campo, e momenti di sketch di burlesque, nonchè performances artistiche in collaborazione con il collettivo di artisti del “59 Rivoli”, gruppo riunito in uno squat – o meglio, “aftersquat” – artistico in un palazzo della centralissima rue de Rivoli. Infine, tango! Il teatro si trasforma in laboratorio di tango tutti i martedí, giovedí e sabato dalle 15:00 alle 18:00.

Quella del Piccolo Teatro della Gioia non vuole essere una forma d’arte elitista, irrigidita nei consueti canoni espressivi. Nella Montmarte invasa dai turisti, dove non rimane che uno sbiadito ricordo della vivacità e del fermento di inizio Novecento, c’è ancora posto per della creatività autentica. Arte: pura, semplice, sincera, spontanea, ingenua, improvvisata, anche imperfetta, ma coinvolgente, sempre nuova e diversa. Questo è  il sogno che il Petit Théâtre du Bonheur vuole realizzare, attraverso l’incontro di arti, di anime, di sensibilità che qui può prendere vita. È una piccola comunità di persone animate dall’entusiasmo di fare e vedere dell’arte insieme, in una piccola scatola di sogni – dal motto del teatro, “The smallest dream maker in the world”.

Petit Théâtre du Bonheur

6, rue Drevet

75018 Paris

(M Abbessess)

+33 (0)6 50 70 26 26

www.theatredubonheur.com

ptdbonheur@gmail.com

Pagina Facebook

È inoltre possibile seguire gli spettacoli in streaming. Le riprese live sono accessibili attraverso questo link, gestito dal Presidente dell’associazione Les artistes de Montmartre, Giuseppe Lupo Lupoi, responsabile legale della programmazione del teatro.



Comments are closed.