È tutta colpa di Repubblica

Di Rocco Polin • 3 set 2009 • Categoria:Italia • 11 Commenti

Quarto potereIl Giornale ha dato fuoco alle polveri. La strategia del neodirettore Feltri è chiara: “smascherare i moralisti”. Il direttore di Avvenire ha molestato la moglie di un uomo con cui intratteneva una relazione omosessuale. Il direttore di Repubblica ha comprato una casa parzialmente in nero. Altri attacchi seguiranno. È cominciata la controffensiva d’autunno.

Pensavamo che non fosse possibile assistere ad un ulteriore abbassamento del livello del dibattito pubblico italiano, ad un ulteriore peggioramento della qualità del nostro giornalismo e invece come al solito dobbiamo convincerci che al peggio non c’è mai fine.

La tesi, forse un po’ provocatoria, è che il responsabile primo di questo degrado non sia Il Giornale, bensì La Repubblica. Provate ad esempio a rileggere l’ultima delle famose dieci domande rivolte dal quotidiano di Ezio Mauro al presidente del Consiglio

“Veronica Lario ha detto: «Ho cercato di aiutare mio marito, ho implorato coloro che gli stanno accanto di fare altrettanto, come si farebbe con una persona che non sta bene. E’ stato tutto inutile». Geriatri (come il professor Gianfranco Salvioli, dell’Università di Modena) ritengono che i comportamenti ossessivi nei confronti del sesso, censurati da Veronica Lario, potrebbero essere l’esito di «una degenerazione psicopatologica di tratti narcisistici della personalità». Quali sono le sue condizioni di salute?” (www.repubblica.it)

Un giornale serio non dovrebbe nemmeno pubblicarla una domanda così. Una moglie tradita parla male del marito. Non indica comportamenti o fatti di cui noi si possa valutare la gravità, dice di aver chiesto agli amici di stare vicino al marito come si farebbe con una persona che non sta bene. È uno sfogo generico quello della Lario, non un capo d’accusa preciso. Poi si mette l’opinione di un geriatra (apparentemente uno fra tanti) che dice un’ovvietà: comportamenti ossessivi nei confronti del sesso potrebbero essere l’esito di “una degenerazione psicopatologica di tratti narcisistici della personalità”. Non si dice di preciso che comportamenti e comunque non è chiaro in base a cosa si accusa Berlusconi di comportamenti ossessivi, per un vecchio miliardario voler andare a letto con delle belle donne giovani è un comportamento magari moralmente riprovevole, non certo ossessivo. Dopo una dichiarazione vaga della moglie e una ancor più vaga di un geriatra senza un’evidente connessione fra le due, finalmente arriva la domanda: quali sono le condizioni di salute del presidente del Consiglio?

Berlusconi si è comportato scioccamente. Avrebbe dovuto rispondere subito a questa domanda, come gli chiedevano arrabbiati i lettori di Repubblica. “Sto bene grazie e lei?”. Ma naturalmente quella di Repubblica non era una domanda. Era un’insinuazione. Si insinuava che il Presidente del Consiglio fosse affetto da disturbi della personalità. Lo scopo di Repubblica, ormai da qualche tempo, non è quello di informare i propri lettori, è quello di mettere in difficoltà Silvio Berlusconi. Esattamente come lo scopo de Il Giornale è difendere Silvio Berlusconi e mettere in difficoltà i suoi avversari.

Sia chiaro che Repubblica aveva il diritto e forse anche il dovere di parlare dei festini di Villa Certosa. Un conto però è informare di un fatto, un conto è montare una campagna stampa, con intercettazioni pubblicate un po’ per volta per tenere alta la suspense e facendo capire che altre e più gravi rivelazioni avrebbero dovuto arrivare. Naturalmente anche le campagne stampa sono perfettamente legittime in un paese democratico. È perfettamente legittima l’esistenza di un giornale d’opinione che più che informare ha lo scopo di portare avanti una tesi, di fare una battaglia politica. Però allora vale l’equazione Repubblica=Il Giornale. Giornali che si leggono per indignarsi contro i propri avversari, per essere rafforzati nella propria convinzione di essere dalla parte del giusto.

Repubblica non fa informazione dunque, fa principalmente opposizione. E per di più fa opposizione del peggior tipo. Un’opposizione basata sullo spiare tra le lenzuola del Capo del Governo. E allora non capisco perché adesso dovremmo indignarci se Il Giornale risponde accusando Ezio Mauro di evasione fiscale e Boffo di molestie. E allora non capisco perché non potevano essere pubblicate le foto di Sircana che guardava i transessuali. Ed ecco che il dibattito pubblico italiano si fa sempre più squallido e partigiano.

Io nel dubbio ho cominciato a comprare la Stampa.

Berlusconigiornalismoinformazione
Rocco Polin

Rocco Polin “Rocco Polin is probably the most influential commentator of international affairs of our time”, Foreign Affairs. “Brilliant, thought provoking, a true talent”, Newsweek. “Mr Polin is the leading expert in Italian politics of his generation. His analysis are not only accurate and original but also incredibly enjoyable”, the Economist. “Now we know why everybody is going crazy about him”, The New Yorker. “Irresistibly sexy”, Angelina Jolie.
| Tutti gli articoli di Rocco Polin

Commenti: 11 »

  1. ciao rocco. come sempre mi trovo d’accordo con te, ma ti dirò di più…è tutta colpa di repubblica non solo se negli ultimi tempi il dibattito pubblico è sceso dov’è sceso ma anche se sono finite le ideologie, se i partiti non servono più, e in ultima analisi se trionfa il berlusconismo. se scalfari si fosse risparmiato la campagna stampa contro il pc all’epoca, forse sarebbe un sistema bloccato, ma per lo meno ci sarebbe ancora un sistema politico. io provo col corriere, per lo meno le pagine della cultura meritano e c’è l’oroscopo ;)

  2. Si, bravo, La Stampa è della stessa “famiglia” del Corriere e di Repubblica. Sono Grazie Graziella e GrazieArCa….., come si dice a Roma.

  3. Rocco, il tuo articolo è un contributo importante al dibattito, ma mi trovo in disaccordo sulla maggior parte del suo contenuto. Il vero scandalo in Italia è che c’è un presidente del consiglio che può usare la stampa e i media per fini politici, visto che ne è proprietario. Accusare Repubblica di essere cattiva perchè cerca di mettere in difficoltà Berlusconi è come accusare Davide per aver usato la fionda contro Golia. Manteniamo le cose nella giusta prospettiva.

  4. Caro Rocco,

    detto che la quotidiana pubblicazione da parte di Repubblica delle dieci domande formulate da D’Avanzo (o chi per lui) ha davvero scassato anche i miei (di coglioni), ti indico alcuni elementi che a mio modo di vedere inficiano alla base l’equivalenza Repubblica=Giornale.

    Primo: Repubblica ci racconta la vita privata del nostro Presidente del Consiglio, ossia colui che guida (ahimé) il nostro Paese, che esporta (doppio ahimé) la nostra immagine all’estero. Il Giornale, invece, ci racconta la vita privata di un giornalista, ossia di una persona che non gestisce la cosa pubblica e che non è mai stato oggetto di giudizio da parte del corpo elettorale.

    Secondo: Repubblica, frugando tra le lenzuola del Nostro, non ha trovato solo un manipolo di mignotte ma ha altresì scovato una banda di criminali e puttanieri pronti a distribuire zoccole e droga a destra e a manca (più a destra che a manca, a dirla tutta..). Il Giornale, scovando tra le lenzuola di Boffo, cos’ha scoperto? Che Boffo ha molestato una donna? No, certo, non è questo che fa notizia. La vera (pseudo) scoperta, semmai, è che il direttore dell’Avvenire sarebbe omosessuale. O, per dirla con buona parte degli italiani, frocio culattone ricchione e via dicendo. Ecco dove sta la differenza: nel primo caso si stigmatizzano comportamenti squallidi e al limite (o oltre) della rilevanza penale; nel secondo caso - invece - si fa leva sui più beceri sentimenti che animano l’italiano medio, che ha nel suo dna un’innata repulsione catto-bacchettona per ogni forma di omosessualità.

    Terzo: e qui tocchiamo un punto più strettamente giornalistico: le fonti di Repubblica sono tutte (iper)affidabili, laddove - invece - il Giornale ha dato in pasto ai suoi lettori un sapiente mix di documenti veri e documenti palesemente falsi. Nel caso di Repubblica, quindi, si può discutere la forma, certo, ma sempre di giornalismo si tratta; nel caso del Giornale, invece, siamo di fronte a un’attività che di giornalistico ha solo l’inchiostro con cui è scritto l’articolo.

  5. sarà anche l’italiano medio catto-bacchettone, alexander, ma di certo, in questo killeraggio, è bello che bagnasco, ruini & Co. vengano ogni tanto messi in imbarazzo da qualcuno e tirati in ballo. anche con documenti falsi (marchio distintivo del Giornale). ma guardacaso, non da repubblica. quindi, per una volta, viva feltri. magari ci rivelerà presto del risaputo vizietto della bottiglia di wojtila, ma lì entrerebbe in conflitto d’interessi..

  6. Il paragone Repubblica=Giornale non sta proprio in piedi per tutti i motivi indicati nei post precedenti. Repubblica a volte può spingere un po’ troppo sull’acceleratore della polemica ma comunque stiamo parlando di giornalismo. Nel caso del Giornale no, semplicemente non si tratta di informazione ma di uno strumento del potere..
    A mio avviso, la cosa più discutibile di Repubblica è che ha deciso di sferrare un così forte attacco a Berlusconi su un tema tutto sommato marginale (vista la storia pubblico-privata del personaggio). Avrei preferito lo stesso vigore giornalistico per quanto riguarda i legami con la mafia, il caso Mills, le leggi ad personam, i condannati in Parlamento e via dicendo. Fatti ben più gravi della frequentazione di prostitute.
    Sono fermamente convinto, però, che i fatti privati del nostro presidente del consiglio (come di qualsiasi politico in generale) abbiano una fortissima valenza pubblica. La pubblica opinione infatti ha il diritto e il dovere di conoscere lo stile di vita personale e familiare di una persona che con le sue decisioni è in grado di produrre leggi che incideranno pesantemente sulle condizioni personali e familiari della collettività.
    Per intenderci, io voglio sapere la condizione di vita familiare di un politico che si presenta come un grande difensore della famiglia tradizionale e dei valori cattolici. Voglio sapere se va a puttane, se frequenta minorenni per poter interpretare le proposte di legge che mi proporrà su questi temi. In quest’ottica non sono argomenti che si possano relegare nella sfera privata del cittadino, ma sono importanti fatti pubblici della vita di un politico!
    Saluti

  7. Alexander, sei poco informato. Le “zoccole”, almeno secondo i piemme baresi, finivano più a manca che a destra. Anche se dalle cronache Repubblicane questo non lo si capisce proprio benissimo.

  8. Lorenzo, hai ragione. In effetti volevo scrivere esattamente l’opposto di quello che ho scritto (”più a manca che a destra, a dirla tutta”), ma evidentemente una forza ideologica interiore - probabilmente assai simile a quella che guida le penne Repubblicane -, in uno con l’abitudine a leggere di impunità centradestrorse, mi ha costretto all’errore. Di cui, ovviamente, mi scuso.

  9. Uno dei motivi per cui le feste di Berlusconi sono di pubblico interesse riguarda la sicurezza nazionale: il primo ministro italiano può essere ricattato dalle centinaia di prostitute da lui frequentate. Alcune di esse hanno evidentemente pensato alla possibilità, per esempio registrando le conversazioni con Berlusconi. Come cittadini italiani abbiamo il diritto di chiedere che gli uomini di stato non mettano a rischio la sicurezza del paese attraverso pratiche private.

    Ben vengano quindi le domande di Repubblica. E poi, scusate, di solito il ruolo dei giornali è proprio quello di interrogare e fare domande a chi è al potere. Forse noi italiani siamo indotti a dimenticarcene dopo quindici anni di conflitto di interessi. Viva la libertà di stampa.

  10. Va bene forse ho esagerato. Non è tutta colpa di Repubbblica. La colpa, come sempre, è prima di tutto di Berlusconi. Il conflitto di interesse e le intimidazioni alla libertà di stampa sono più gravi di una domanda idiota di D’Avanzo. La vita privata del presidente del consiglio è di interesse pubblico, quela di Boffo credo interessi poco anche ai suoi familiari. Togliendo il tanto di (in)utilmente provocatorio che c’era nell’articolo rimangono due punti fermi
    1. Repubblica ultimamente fa più opposizione che informazione e questo, sia pur leggitimo, a me non piace
    2. Repubblica fa opposizione su questioni che francamente ritengo se non irrilevanti sicuramente meno rilevanti di altre

    Posso poi aggiungere un terzo punto e ovvero che
    3. Il tipo di opposizione che fa Repubblica (in buona compagnia) ovvero un’opposizione più moralistica che politica rafforza Berlusconi (il che naturalmente potrebbe non interessare i giornalisti di repubblica come legittimamente non interessa Travaglio, ma che pero interessa me). Lo rafforza perchè si parla di quello invece che di altro (vedi la crisi) e perchè lui sull’essere se stesso ha costruito una fortuna politica, non perde un consenso che sia uno, nemmeno tra i cattolici. Il fatto che invece di cercare di far dimenticare la vicenda con la ripresa di settembre egli la fomenti lanciando denuncie a destra e a manca credo porti acqua al mio mulino (sia pure un indizio e non una prova).

  11. http://www.corriere.it/editoriali/09_ottobre_12/debortoli_8ea2c154-b6ef-11de-b239-00144f02aabc.shtml
    http://www.corriere.it/editoriali/09_ottobre_12/debortoli2_bce74684-b6ef-11de-b239-00144f02aabc.shtml

Cosa ne pensi?

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word